X
    • Tel. 055/23.47.420 - Fax  055/53.56.876
    • firenze@tsrm.org
    • C.F. : 80031650486
    • tsrm-pstrp-fi@tsrm.org
archivio news
03

Codice della Strada: da febbraio 2018 multe via PEC, come funzionano le notifiche.

Pubblicato il

L'indirizzo Pec andrà comunicato dal trasgressore in caso di contestazione immediata, altrimenti gli agenti accertatori potranno ricercarlo negli appositi elenchi. Ciò significa che il verbale di contestazione sarà un atto notificato a tutti gli effetti e, dunque, conoscibile al trasgressore, quando sarà trasmesso via PEC, senza che questi possa eccepire di non aver controllato la propria casella oppure di non averla ricevuta.

L'abbandono graduale delle "buste verdi" consentirà di risparmiare cifre non trascurabili correlate alla trasmissione degli atti cartacei. Questa modalità continuerà a permanere solo nei (non rari) casi in cui sarà impossibile agire in via telematica.

Sarà ovviamente necessario, affinché le disposizioni divengano prassi, che agli agenti accertatori giungano apposite istruzioni operative dalle autorità di competenza.

La notifica della sanzione telematicamente avverrà se, ovviamente, colui che ha violato il Codice della Strada sia in possesso di una casella di posta elettronica certificata.

In caso di contestazione immediata, sarà il trasgressore stesso a dover fornire agli agenti il proprio valido indirizzo PEC oppure a dover indicare di essere in possesso di un domicilio digitale ai sensi del Codice dell'Amministrazione digitale.

Invece, negli altri casi, o laddove questo non venga comunicato, l'indirizzo PEC sarà ricercato dall'ufficio da cui dipende l'organo accertatore o che ha redatto il verbale di contestazione ricorrendo ai pubblici elenchi per notificazioni e comunicazioni elettroniche.

Qualora, invece, la notifica mediante PEC non sia possibile (ad esempio se il destinatario non sia in possesso del recapito digitale o questo ai scaduto per sua colpa), conclude il decreto, la procedura di notificazione avverrà nei modi e nel rispetto delle forme e dei termini del Codice della Strada, quindi in formato cartaceo. In tal caso, tuttavia, gli oneri e i relativi costi di notifica saranno a carico del destinatario della sanzione.

La notifica dovrà ritenersi spedita nel momento in cui verrà generata la ricevuta di accettazione, mentre si riterrà notificata quando sarà generata la ricevuta di avvenuta consegna completa del messaggio Pec. Entrambi i messaggi, tuttavia, verranno generati in automatici e, pertanto, indipendentemente dal fatto che la mail sia stata vista o letta dall'interessato.

La comunicazione, avente come dicitura "Atto amministrativo relativo ad una sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada", dovrà includere in allegato la copia del verbale, sottoscritta con firma digitale, oltre alla relazione di notifica.

Fonte: Studio Cataldi "Il Diritto Quotidiano"

| Categoria: News | Tags: | Visite: (19) | Indietro

Scrivi un commento

Archivio ultimi 12 mesi
spazio

 

 

Cerca nell'archivio

Cerca tramite parola chiave o frase

calendario

 

Oppure cerca per data di pubblicazione

spazio

 

 

CONTATTA IL COLLEGIO

Per contattare l'Ordine di seguito i recapiti diretti.


RECAPITI TELEFONICI
Tel. 055/23.47.420 
Fax 055/53.56.876 (nuovo numero)


POSTA ELETTRONICA
E-mail: firenze@tsrm.org
E-mail: tsrm-pstrp-fi@tsrm.org
PEC: firenze@pec.tsrm.org


INDIRIZZO
Via 20 Settembre, 76 - 50129 Firenze


FISSA UN APPUNTAMENTO

Tags popolari
LINKS UTILI

Di seguito una funzionale proposta di alcuni collegamenti diretti a siti tematici dedicati agli addetti ai lavori:

NEWSLETTER

Registrandosi alla Newsletter del sito è possibile ricevere gli aggiornamenti delle ultime news pubblicate.

Nome

Privacy | Cancellati